Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Esplora:

I MANIFESTANTI SOSTENGONO CHE LI GIOCHI DI PECHINO SI SVOLGONO CONTRO LA CARTA OLIMPICA. Di Takuya Miyano.

Gruppi che si oppongono alle violazioni dei diritti umani da parte della Cina hanno protestato contro le Olimpiadi invernali di Pechino in una manifestazione tenutasi la mattina del 4 febbraio di fronte all’ambasciata cinese nel quartiere Minato di Tokyo.

Circa 50 persone hanno partecipato alla protesta, tenutasi in vista della cerimonia di apertura più tardi quel giorno a Pechino.

“Protestiamo contro le Olimpiadi di Pechino organizzate dal regime oppressivo!” hanno scandito forte all’unisono. “Ci opponiamo alle Olimpiadi di Pechino!”

William Lee, 28 anni, di Hong Kong, era tra coloro che protestavano contro i Giochi invernali.

“La Cina ha derubato le persone di Hong Kong della loro libertà di parola e di riunione”, ha detto. “Sono a disagio con la messa in scena delle Olimpiadi in Cina, dove i diritti umani sono violati. Voglio che le persone in tutto il mondo prestino attenzione alle violazioni dei diritti umani in Cina”.

Un’organizzazione chiamata Comitato Esecutivo per protestare contro le Olimpiadi di Pechino sull’oppressione dei diritti umani ha organizzato la manifestazione e otto organizzazioni, tra cui l’Associazione uigura giapponese, hanno preso parte.

Quando l’evento è iniziato alle 11.m., uno dei partecipanti ha letto una dichiarazione congiunta che sostiene che il track record della Cina in materia di diritti umani è in contrasto con lo spirito dei Giochi.

“Non possiamo fare a meno di considerare la messa in scena delle Olimpiadi invernali in Cina, dove continuano le violazioni dei diritti umani, come contraria allo spirito della Carta olimpica”, si legge nella dichiarazione.

La Carta Olimpica sposa la conservazione della dignità umana.

La dichiarazione congiunta delle organizzazioni includeva cinque richieste, tra cui che il governo cinese “garantisse la libertà di parola, espressione, religione e associazione” e che “a meno che le situazioni che circondano i diritti umani in Cina non migliorino notevolmente, il governo giapponese non deve essere influenzato da espressioni come ‘amicizia Giappone-Cina’”.

La protesta è continuata nel pomeriggio di quel giorno con una marcia da Roppongi a Hibiya Park nel centro di Tokyo.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai blog