Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Esplora:

"IL RICORDO DI MATTEO RICCI RIAFFERMI L'IMPORTANZA DEL DIALOGO TRA CULTURE E RELIGIONI".

Padre Matteo Ricci (1552-1610)

Telegramma di Papa Francesco in occasione del Convegno internazionale “Nuove prospettive negli studi su Padre Matteo Ricci”, dal 21 al 23 ottobre a Macerata
Un grande apprezzamento “per l’iniziativa volta ad approfondire l’opera missionaria e l’attività culturale dell’illustre maceratese” Matteo Ricci, “amico del caro popolo cinese”. Lo esprime Papa Francesco, in un telegramma – a firma del segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin – indirizzato al vescovo di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, monsignor Nazzareno Marconi, in occasione del Convegno internazionale “Nuove prospettive negli studi su Padre Matteo Ricci”, promosso dal 21 al 23 ottobre dall’Università degli Studi e dall’Istituto Confucio di Macerata.
Il Papa – si legge nel testo riportato dal Sir – auspica “che il ricordo di così zelante uomo di Chiesa, attento ai mutamenti sociali e impegnato nel tessere rapporti tra cultura europea e quella cinese, riaffermi l’importanza del dialogo tra culture e religioni nel rispetto reciproco e in vista del bene comune”. Con tali sentimenti, Francesco “invoca ogni buon esito ai lavori congressuali e invia agli organizzatori, ai relatori ed ai presenti tutti il suo benedicente saluto”.
La tre giorni, a cinque anni dalle celebrazioni del 2010 per il 400° anniversario della morte del missionario maceratese, intende accogliere ricercatori provenienti dalla Cina, dall’Europa e dagli Stati Uniti.

Città del Vaticano, 21 Ottobre 2015

* Domus Europa ringrazia il sito

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai blog

L’ABISSO. Di Gianluca Kamal

E un giorno, ripensando agli avvenimenti di questo biennio pandemico da considerarsi nient’affatto concluso ma che, anzi, nuove squisite prelibatezze già serba per noi (i

Leggi tutto