Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Esplora:

I PETALI DEL TEMPO.

TIME FRAMES – FRAMES OF TIME
Ad Albert Einstein e a tutti noi a Natale

Stagioni, finestre di tempo, solco degli anni senza fine, bulbi nascosti nella terra che nascono e rinascono in permanenza. Foglie d’autunno, vespri migranti… Istantanee e fotogrammi, cornici impertinenti della luce. Ore feriali e festive, frenetiche, ferme e sonnambule, inarrestabilmente presenti e passate. Lingue che abbracciate del tempo ogni forma o dite tutto al presente, nel suo agostiniano monopolio quale unico riferimento…

Qual è il correlativo oggettivo del tempo, ovvero quella “serie di oggetti, una situazione, una catena di eventi pronta a trasformarsi nella formula di un’emozione particolare”, come vuole Eliot?
È il tempo stesso scaturigine di emozioni, nelle sue multiformi rappresentazioni: stagioni finestre di tempo germogli foglie giorni immagini sequenze ricordi? Emozioni estremizzate o aperte? Il tempo ineluttabile:
Si sta
come d’autunno
sugli alberi le foglie?

oppure

…mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei ?

Esistono “i tempi” con le loro preposizioni o le loro indipendenze (“ai tempi”, “dai tempi”, “Con i tempi che corrono,”) o il solo tempo (“a tempo”, “da tempo”, “in tempo”, “con il tempo”, “sul tempo”, “per tempo”, “tra (un po’ di ) tempo”), “frattempo,” “senza tempo,” “Eterno”?
Esiste una “notte dei tempi” e una “pienezza dei tempi”, un “Tutto Aurora”, come nello Splendor paternae gloriae ambrosiano, echeggiato nell’Adeste fideles:
Aeterni Parentis splendorem aeternum
Velatum sub carne videbimus:
Deum infantem pannis involutum.
Venite adoremus…

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai blog

L’ABISSO. Di Gianluca Kamal

E un giorno, ripensando agli avvenimenti di questo biennio pandemico da considerarsi nient’affatto concluso ma che, anzi, nuove squisite prelibatezze già serba per noi (i

Leggi tutto